pagina successiva
Francesca GARAGNANI
Architetto, Borgomanero (NO) 1986.

Dopo il diploma di maturità artistica consegue, nel 2012, la laurea Magistrale in Architettura presso il Politecnico di Milano. Affascinata dal rapporto tra architettura e preesistenza sviluppa una tesi sul tema della valorizzazione e della musealizzazione dei siti storici ed archeologici, dal titolo: “Monastero di San Rabano. Progetto per la valorizzazione del complesso monumentale”. Nello stesso anno consegue il diploma di Master di I° livello in “Museografia, architettura, archeologia, progettazione strategica e gestione innovativa del patrimonio archeologico”.
Nel 2010 collabora alla realizzazione della mostra In.D.Ex-lab, nello stesso anno vince la Menzione speciale del Premio Piranesi Prix de Rome 2010 e nel 2012 si aggiudica il secondo premio al concorso di idee “Via Francigena del Sud. Riqualificazione, accessibilità, gestione e valorizzazione dei tracciati presenti tra Roma e Palestrina", al quale fanno seguito altri importanti risultati in concorsi pubblici e privati.

Nel 2014 apre il proprio studio occupandosi di progettazione architettonica, rivitalizzazione dell'esistente, allestimenti, grafica e design. Affianca al proprio lavoro numerose collaborazioni con web master, artigiani e con studi di Architettura per la progettazione di edifici residenziali, headquarters, showroom ed interior design in Italia, Svizzera, Malesia, Cina e Stati Uniti.
pagina successiva
pagina precedente
carlo e tina osteria progetto restyling
carlo e tina osteria insegna
oro,allestimento,anni 50,ristorante
sala d'attesa ristorante anni 50
guardaroba specchi design
libreria design
scrittoio mid century
scrittoio legno e gambe oro
recupero di cascina ristorante
sala ristorante illuminazione su binario
carlo e tina osteria garagnani architetto
caffettiera bialetti ristorante maggiora
credenza flos parentesi restyling
osteria lago maggiore interior design
idee RISTRUTTURAZIONE cascina
sala da pranzo progetto
pannelli fonoassorbenti ristorante tecnosugheri
sala banchetti pannello decork
parentesi flos sughero acustica tecnosugheri
libreria retroilluminata bottiglie
scrittoio in legno design carlo scarpa
scrittoio dettaglio legno
carlo e tina biglietti da visita scritta anni 50
maggiora restyling osteria
casa a corte Cimmino
giardino casa a corte mattoni a vista
 

CARLO e TINA osteria | restyling ristorante ex "Schiaccianoci"

località: Maggiora (NO)
committente: Banducci Carlo e Sogni Martina SNC
cronologia: Febbraio-Aprile 2018 progetto e realizzazione
progetto di: Francesca Garagnani
superficie: 205 mq
Press: L'Arca International | 143
Press: MaInn 2019
press: 100 Idee Per Ristrutturare | 50
shown: Sughero Espanso, Etico, Estetico, Energetico | 26 Ottobre 2018 Erbusco | 19 Febbraio 2019 Monza
Un’affascinante casa a corte fa da sfondo a un’osteria contemporanea. L’edificio, sapientemente ristrutturato dall’Arch Rino Cimmino nell’anno 2000, ha subito nel corso degli anni diverse modifiche, principalmente dovute al susseguirsi di vari locatari. I committenti, due giovani Chef, spinti dal sogno di aprire un ristorante nel quale coltivare la passione per una cucina contemporanea ma fortemente legata al territorio ed alle sue tradizioni, hanno trovato in questa casa a corte il luogo ideale. Gli ambienti dell’osteria dovevano rispecchiare l’idea di cucina, il progetto è stato quindi improntato sulla semplicità, l’eleganza, l’uso di materiali naturali, mantenendo come filo conduttore uno sguardo al passato avvalendosi però della tecnologia contemporanea. Sia le sale al piano terra che la grande sala al piano primo presentavano un forte problema di acustica, il rimbombo infatti risultava molto accentuato. Questo “difetto” ha determinato la necessità di migliorare il comfort acustico, da qui la scelta di utilizzare dei pannelli fonoassorbenti in sughero, che con il loro colore scuro ed il loro disegno caratterizzano ogni sala dell’Osteria. Un’altra importante riflessione è stata fatta sulla luce: le applique a muro hanno lasciato spazio a lampade a sospensione capaci di portare la luce sui piatti, che sono i veri protagonisti della scena! In modo particolare, la necessità di spostare e allungare i tavoli ha determinato la realizzazione di un binario in cui le lampade a sospensione possono, all’occorrenza, scorrere. In ogni sala si percepisce la volontà di ricreare un ambiente caldo, confortevole e domestico. Grande attenzione è stata posta agli arredi che caratterizzano la prima sala, quella dell’accoglienza, in cui si trovano una libreria con i grandi volumi di cucina e dei ripiani dedicati alle bottiglie di amari, un salottino, un guardaroba ed uno scrittoio. Ogni singolo elemento è stato disegnato per realizzare un insieme, per determinare una composizione geometrica e razionale, ma allo stesso tempo calda ed accogliente, capace di caratterizzare lo spazio e dare una forte identità all’Osteria.
architettura
design & grafica
allestimenti
pagina successiva
pagina precedente
pagina precedente
chiudi menu apri menu
homepage home
biografia studio
progetti progetti
contatti contatti
architettura
design & grafica
allestimenti
2019 Restyling Villa Donna Giusi
2018 CARLO e TINA osteria
2016 Rivitalizzazione di cascina Settecentesca Il Lavatoio LAVA&ASCIUGA self service
2015 Winter garden Appartamento Lo Restyling ristorante Hotel Marco Effe Le stanze segrete della contessa
2014 Insediamento residenziale di montagna Appartamento P
2013 Designing Villa Adriana
2012 Monastero di San Rabano La via Francigena del Sud
2010 Premio Piranesi Prix de Rome
2017 B&B I LuMi del Vergante
2016 bookcase wall LAVA&ASCIUGA self service
2015 lampada lucciola villa Donna Giusi Campione
2014 tavolo Fra' Tino
2010 schiaccianoci
2018 Invorio, pagine di storia
2015 Padiglione del territorio Le linee della cultura
2013 Mail art exhibition
2010 In.D.Ex.-lab Parametric space frame